mavugliola masseria

Del carciofo di solito se ne mangiano il fiore e le brattee, dopo aver eliminato quelle esterne, che sono dure. I carciofi oltre ad essere una fonte preziosa di potassio e sali di ferro sono ottimi per la salute del fegato, favorendo un aumento del flusso biliare, e sono molto indicati nella dieta dei diabetici.

Con le foglie di carciofo si può preparare un infuso piuttosto amaro , ma davvero miracoloso dal punto di vista di stimolazione della diuresi ed eliminazione delle tossine. Ricchi di fibre sono utili per il transito intestinale oltre che per l’apparato cardiocircolatorio poiché abbassano il colesterolo.

Un ottimo carciofo dev’essere sodo e senza macchie. Per pulirli si consiglia l’utilizzo di guanti per evitare che le mani diventino nere, togliere le brattee esterne fino a raggiungere quelle di colore giallo e tagliare la parte superiore, immergerli in acqua e limone o acqua e aceto per non farli ossidare. Si possono preparare in vari modi e se ne possono mangiare in abbondanza perchè NON FANNO INGRASSARE!

100 g. di carciofi contengono 22 kcal :

  • Acqua 91,3 g
  • Carboidrati 2,5 g
  • Zuccheri 1,9 g
  • Proteine 2,7 g
  • Grassi 0,2 g
  • Colesterolo 0 g
  • Fibra totale 5,5 g
  • Sodio 133 mg
  • Potassio 376 mg
  • Ferro 1 mg
  • Calcio 86 mg
  • Fosforo 67 mg
  • Magnesio 45 mg
  • Zinco 0,95 mg
  • Rame 0,24 mg
  • Vitamina B1 0,06 mg
  • Vitamina B2 0,10 mg
  • Vitamina B 3 0,50 mg
  • Vitamina A r18 µg
  • Vitamina C

Tiziana LosavioDott.ssa Tiziana Losavio, Nutrizionista