Proverbi Martina Franca
mavugliola masseria

La saggezza popolare martinese si esprime anche attraverso i detti e i proverbi locali che sono tantissimi. Gli abitanti di Martina Franca e della Valle d’Itria, tanto legati alle tradizioni, alla vita religiosa, alla famiglia, sempre molto attenti e analitici, sono riusciti a sintetizzare a modo loro nei proverbi locali delle grandi verità e insegnamenti.

Li pubblichiamo con la promessa di integrarli con altri

 

I quasi 100 più noti proverbi martinesi:

  • A Canulor a v’rnèt jé for – Alla Candelora (2 febbraio) l’inverno è fuori
  • A Canulor a v’rnèt jé for…c l’arrv a cuntà nat’ettànt nam a fà –   Alla Candelora l’inverno è fuori, ma se ti metti a contare (i giorni)  altrettanto (inverno) deve ancora passare (infatti il giorno della Candelora cade esattamante a metà inverno)
  • Accàtt u ‘mbrièll quann u timp jè bun – Acquista l’ombrello quando il tempo è bello
  • A cc abbatt fuort s japr a puòrt – La porta si apre a chi bussa a lungo
  • Acc’r chiussiè a lieng du curtidd – La (mala)lingua uccide più del coltello
  • Accughie l’acq quann chiov – Quando piove raccogli l’acqua (approfittane quando puoi!)
  • A ches ascuete mett fuc – Alla casa bruciata dai fuoco, volendo dire che è inutile darsi da fare per qualcosa di irrecuparabile
  • A chesa niètt: a catàrr e a schuppiètt – Quando il padrone di casa dedica troppo tempo alla musica o alla caccia la casa è vuota (non c’è ricchezza)
  • A chesa striètt, a fiem’n accunc’rtèt – Nella casa piccola la donna riesce a tenere tutto in ordine
  • A c’ vol u die, ka su preje – A chi vuole il suo Dio, che se lo preghi
  • A c’ nna vol L’ucchie da for – A chi non vuole, escano gli occhi fuori (dall’invidia)
  • Acqua e paglia, salimmentre passa-passa u dolor d’ ventr – Acqua, paglia e i sarmenti della vite fanno passare il mal di pancia
  • C’ pr’m peje jev mel s’rvout – Chi paga prima è mal servito
  • A cr’sciot bunaridd, già s’ all’scie u passaridd – Detto volgare ad indicare il bambino cresciuto che già si tocca le parti intime
  • A fa a varv i ciuccie pird timp e sapon – A fare la barba all’asino si perde tempo e sapone, cioè è inutile perdere tempo con gli irragionevoli.
  • A f’ gghia mot a mamm a ntenn’ – La mamma riuscirebbe a comprendere anche una figlia muta.
  • All’agghje all’agghje ca u kes jè travagghje! – “All’aglio all’aglio che il formaggio porta guai!” E’ meglio darsi ad altro anzichè perseverare nell’intento di raggiungere un obiettivo impossibile o quando le cose si mettono male!
  • Agn sturc jè mod – Ogni cosa storpiata (dal sarto), diventa moda
  • A mamm mantèn cint f’l ma cint f’l na tièn’n na mamm – La mamma mantiene cento figli ma cento figli non tengono una mamma
  • A mamma valiènt, a f’gghje mancuner – La mamma brava farà la figlia pigra!
  • A mancunèr a fièst e a ser – La donna pigra finisce col fare le faccende domestiche alla sera o il giorno della festa
  • A mer avvantèt na sc p’scànn! – Nel mare del vanto non andare a pescare!
  • Antun, antun u malet port u buon – A volte il malato sta meglio di chi si sente sano in salute
  • Arruk a zampogn p’ quann t’ abbsogn – Conserva le cose che un domani potrebbero servirti
  • Attcche u ciucc addo vol u patron – Fai sempre quello che ti dice di fare il padrone
  • Assurm’t du chen ca n’nc ajàtt – Temi il cane che non abbaia
  • A u cavadd mazz Dij (Dio) l mann l muosch – La legge di Murphy martinese e cioè che al povero cavallo magro Dio gli manda pure le mosche!
  • Avvuchet giuov’n e mid’c viecchje –  Scegli l’vvocato giovane (per l’entusiasmo) e il medico vecchio (per l’esperienza)
  • Biestje e f’l, l’ha t’n’ a cap’t’l – Bestie e figli li devi tenere al capezzale (vicini, per poterli controllare)
  • Ce studie mang jadd’n, cnj studie mang scorz de lup’n – Se studi mangi carne se non studi ti tocca mangiare la buccia dei lupini
  • C’ bell vu par’, l’uosser e a pedd’ tana dul’ – Se bella vuoi apparire, le ossa e la pelle di duoleranno ( per essere belli, bisogna fare molti sacrifici.)
  • Chedd jerv ca na vvu, all’urt nasc – Nell’orto nasce proprio l’erba che non vuoi
  • Chen ca ajàtt, na muòz’c – Can che abbaia non morde
  • C’ lass pen e capp Cia bella borl accàpp – Chi non si porta dietro cibo e qualcosa per coprirsi capita un bel guaio
  • C’ lass u viecchj e p’gghj u nuv, sep cia lass e na sep cia trov -Chi lascia il vecchio e prende il nuovo, sa cosa lascia ma non sa cosa trova
  • C s ncud’n statt, c s martidd batt – Segui la tua indole: se sei incudine non ti muovere, se sei martello batti
  • Ció ca m’tt, jacchje – Quello che metti, lo ritrovi (può essere riferito anche agli ingredienti di una ricetta)
  • Creje: alluc’scjènn, pruv’rjènn – Domani quando farà giorno si troverà una soluzione
  • C’ten an’mèl e f’l’ miè cuntiènt r’r’ – Chi ha animali e figli non può essere mai contento
  • Codd ca tin na dda e codd ca n’nc tin na c’rcà – Ciò che hai non dare e ciò che non hai non chiedere
  • Cor cuntiènt e pen a quartoudd – Se hai il cuore contento ti basta anche un pezzetto di pane
  • scet – Chi
  • C s miett p l p’cc’nn si jacchie u litt p’scet – Chi  ha a che fare con i bambini si trova il letto pisciato  a dire che chi fa carte con un incapace deve attendersi conseguenze commensurate
  • C’ tin f’l da mardà Apprum’tt e na n dà – Se hai figlie da maritare prometti ma non dare
  • C vu jabbà a v’c’n, cuc’t sob’t jaz’t d bun matt’n – Se vuoi gabbare la vicina (il socio ecc.) vai a letto presto e alzati di buon mattino
  • Cus’prn dall m’pr’m –  detto volgare: Le prime esperienze con la cugina
  • Dann e c’gnèt, amer a c’ lev – Danni e botte poveretto chi li subisce
  • Dà nu loccùl e fisciat’nn – Quando c’è così tanto disordine e sporcizia che non puoi fare altro che emettere un urlo e scappare
  • D’ c’ ta f’dèt, t’acchje ‘ngannèt – Di chi ti sei fidato, ti trovi ingannato
  • Fa ben ca a cast ven. Fa mel ca a cast cher – Il bene o il male che fai ti ritornano comunque indietro
  • Fann quant n’vu e p’gghjet c’vu – Fanne quanto ne vuoi e ti prenderai chi vuoi. (Riferito alle ragazze da maritare che se prima di sposarsi ne combinano di tutti i colori poi fanno un ottimo matrimonio)
  • Fef e svon non ne dà a nusciun – Fave e sivoni non darne a nessuno, una variante al proverbio “Al contadin non far saper quant’è buono il formaggio con le pere”
  • Fin a ‘mber, sièmp s’mper – Fino alla bara sempre si impara
  • Fumor vasc, timp bun lass – Nebbia bassa, bel tempo lascia
  • Jacqu d av’st juggh e m’st – Pioggia in Agosto olio e mosto
  • Jadd’na curtulièdd per siemp p’ddastrièdd – La donna bassina sembra sempre giovane
  • Jazza luongh miestra pacc – Filo lungo sarta scadente
  • Jé miegghje criesc nu chen ca nu f’gghje: almen t’ mov a col. – È meglio crescere un cane che un figlio, almeno il cane ti muove la coda
  • Jé miegghje na bóna muort ca na brutta suortę  – È meglio una buona morte di una cattiva sorte
  • Juomm ‘nzurèt, minz ‘nguajèt – Uomo sposato, mezzo inguaiato
  • I nuvol l’accucchje u vint – Chi si somiglia si piglia
  • I wuei da pignet i sep a cucchier– I guai li conosce veramente chi ci sta dentro come il cucchiaio nella pignatta
  • Lienga mout jev mel s’rvout – Lingua muta (di chi non parla) viene servita male
  • Lon scennar’n chi’ch’t n’terr’ e Jacch i carr’n – Con la luna di gennaio  si vede così bene che ti permette di ritrovare una moneta caduta che  per terra (carr’n è “il carlino”, la moneta di Napoli al tempo dei Borboni)
  • Miegghje d’lor d vuors ca d’lor d’ cor – Meglio dolore di borsa che dolore di cuore
  • Megghie nu quntel n’gudd ca nu qint n’col – Detto volgare a dire che l’effetto di certi mali non è proporzionato alla loro mole ma piuttosto alla loro natura. “meglio un quintale sulle spalle che duecento grammi (un quinto) in c.***”
  • ‘Mpar’t l’art e m’tt’la da part – Impara l’arte e mettila da parte
  • Na crièd’r nè ai forestir, nè all m’rcànt  – Non credere nè ai forestieri, nè ai mercanti
  • Na ffa mèl a carn ca criesc – Non fare del male a carne che cresce (ai bambini)
  • Nev e chjetròr, l’annèt jè t’sòr – Neve e gelo l’annata sarà un tesoro
  • Nusc’n carn rest a vucciar’ggh – Nessuna carne rimane dal macellaio (nel senso che anche le più brutte si sposano)
  • Nu pont’ c scapp”, cint’ann s v’ v. – Un attimo (incidente) evitato ti fa vivere cento anni
  • Pasqua marzuotch o uierr o famuotch – La Pasqua che cade in Marzo porta guerre o fame
  • P’r’cch fasc’n lat p’r’cch – I pidocchi fanno altri pidocchi, nel senso che è meglio estirpare il male prima che si propaghi
  • Quann a ventr’ ste vacant, na s son e na s cant – Quando la pancia è vuota non si ha voglia di far niente (nè di suonare nè di cantare)
  • Quann jè turt na sc sciènn a cuort – Se hai torto stai zitto. Non provare neanche a difenderti
  • Quann mamm era ffa a puttèn tutt l’umm d’v’ntièr’n sant – Detto volgare ad indicare che quando dai per scontato che tutti ti possano dare una mano, di fatto non ce n’é mai nessuno disposto ad aiutarti
  • Quann marz vol fesc car’ l’uogn du vov – A volte il freddo di marzo è così intenso che al bue si staccano le unghie
  • Quann ta fa scannà, fatt scanna da u vuccir bun – Quando devi sottoporti ad un intervento chirurgico è meglio scegliere un medico bravo
  • Sc’nn’t letr ca ona ‘nchianà i mariùl” – Ladri scendete che devono salire i mariuoli (riferito ai politici che salgono al Palazzo)
  • Spart Napul e d’viènt Casale – Dividi Napoli e diventa un casale, cioè anche una grossa quantità se spartita tra troppe persone diventa una parte irrisoria
  • Str’ng cul’cch quann ste’ sul’cch va quann stè accumpagnet tacch’ bun imparet’ – Detto volgare a dire che è meglio imparare le cose quando si è soli per avere un comportamento esemplare con gli altri
  • Timp e frask vol a krep ka u latt bun a fa’ – Tempo ci vuole, ma poi i risultati arrivano
  • Tratt ch’dd miegghj d tev e fall le spes – Tratta quelli meglio di te e fagli pure le spese
  • Turc’ v’ gntidd’ quann je t’ nridde – Piega il rametto quando è giovane (la buona educazione si insegna sin da bambini)
  • U chen da vucciar’ gghie, chien d sang’ e murt d’ fem – Il cane della macelleria pieno di sangue è morto di fame (di una persona che ostenta cose che realmente non possiede)
  • U marchèt t mièrch – Il mercato ti lascia il segno (ti frega)
  • U murt jèv sièmp turt – Il morto modo di difendersi ha sempre torto
  • U pièsc irann s’mang  u pièsc p’cc’nn – Il pesce grande mangia il pesce piccolo
  • U p’nzir acc’r chiussiè da malat’gghje –  Il pensare (alla malattia) uccide più della malattia stessa
  • U scarper viè a scazèt – Il calzolaio cammina scalzo, a dire che lavora per gli altri e trascura se stesso
  • U sol d’ marz acc’r chiussié da mazz – Il sole di marzo uccide più della mazza (perché induce a scoprirsi anzitempo)
  • U s’gnor diè i pascutt a c’ na ten i rint – Chi ha pane non ha denti
  • U “s’n’ t’attàcc, u non t’ stacc- Il Sì ti vincola, il No non ti impegna
  • Vint d’ f’ssour t’ puort a s’pultour – Vento di fessura ti porta in sepoltura
  • V’st ciuppon ca’ p’r baron’ – Se vesti bene anche un rozzo (ciuppone, ceppo della vite) sembra un barone

 

Le più note e colorite espressioni popolari

  • A bièv ‘nti c’nuòcchiere – Quando la biada (l’abbondanza) arriva fino alle ginocchia  fa male
  • Acc’mint’m acc’mint’m – “Sfottimi sfottimi”, riferito a donne che indossano vestiti succinti proprio per provocare gli apprezzamenti degli uomini
  • Addfr’schet l’an’m du priatuorje – Finalmente!  Che sollievo!
  • Ammariànt…-  Non mi posso lamentare
  • A orarje scuntret – Alla controra
  • Am fatt p’ n’ fa a crosc e nam cechèt l’ucchje – Stavamo per farci il segno della croce e invece ci siamo cecati un occhio. come a dire che un semplice  gesto benevolo ha complicato la situazione
  • A mièssa sc’rrèt – La Messa che mai ci celebrò ovvero fare le cose prendendosela con eccessivo comodo, fin quasi a dimenticarsene
  • Ca t cher na sajett! – Che ti colpisca un fulmine!
  • Ca t’ p’gghje na vuocc’ ! – Che ti prenda un colpo !
  • Coudd na jé sant ca fesc m’rácul – Quello non é santo che fa miracoli, riferito a uno che non si spreca per il bene altrui.
  • C’ m’ l’ha cantèt l’angiul a riecchje? – Si dice così quando si ha una premonizione che evita di compiere una azione disastrosa (fu l’ Angelo infatti a suggerire all’orecchio di San Giuseppe di non portare il bambino a Gerusalemme dove avvenne la strage degli innocenti per mano di Erode).
  • Com nu quatt e nu c’nc – “Come un quattro e un cinque”, come se nulla fosse
  • Da na tuon’c d muón’c na jess na scazziett d priev’t –  Per descrivere un’artigiano  incapace  che non riesce a fare un cappello di prete da una tonaca di monaco
  • Da patron d vast’mient a varca d’aff’tt. – Vittima di mala sorte che da padrone di bastimento finì a dover prendere la barca in affitto
  • Ha ‘ncarnèt u rient! – Ti sei abituato bene!
  • Ha venut a s’gn e n’ha caccèt da jnt a v’gn – L’ospite è riuscito ad impossessarsi della proprietà. A “s’gn” è una donna  fredda e antipatica come la nuora che appena sposata è capace di spodestare la suocera.
  • Jiss l’an’m !! – Tira fuori l’anima! Dì qualcosa !!
  • L’acqu’ fesc i marawitt n’curp – L’acqua fa crescere le rane nello stomaco (é meglio bere il vino)
  • L’amà stumpà o a dema iocq? – La pigiamo o la vendiamo come uva?, come a dire “vogliamo perdere altro tempo o passiamo all’azione?”
  • Ma caròt da j’nt u cor – Perdere stima e affetto per una persona cara
  • Ma caròt na caller d’acqua frùot ‘ncud !! – Mi è caduta una caldaia di acqua bollente addosso, Mi è preso un colpo!!
  • Mamm m’ fesc e je nascìbb – Mamma mi fece e io nacqui. Detto di una persona incapace di prendere iniziative
  • Ma’nvte’t a maccaroun e carn – Mi hai invitato a maccheroni e carne, un’invito altamente apprezzato!
  • Manc all chen, S’gnor! – Da non augurare neanche agli animali (ai cani)
  • Mang’t i maccaroun saue – Mangiare i maccheroni dell’altro, ovvero stare al gioco, ascoltare le argomentazioni dell’altro senza controbattere
  • Mi capuzzèt u stuòm’c – Ho messo qualcosa dotto i denti
  • Ma squagghjèt l’an’m – Mi si è sciolta l’anima (mi sono spaventato!)
  • M’n nu locchl e fuscat’nn . Caccia un urlo e scappa. Quando c’è così tanto disordine che non c’è modo di fare nulla se non urlare e scappare di fronte a tanto disastro!
  • Na tant e nan quant – Così così
  • N’nc abbjènc – Non ho un attimo libero
  • P chep u tin, e p’ col s” n” scapp – Si dice di persona inaffidabile che lo prendi per la testa e ti sfugge dalla coda
  • Prisce di chiazz e truvol de ches – Riferito a persona amabile fuori dal contesto familiare e fonte di litigi in casa
  • Pitr scrv e Paul scass – Pietro scrive e Paolo cancella: uno fa e l’altro disfa (quando si ha a che fare con due inconcludenti)
  • Spar’m ‘mpitt – Riferito alla donna che spavaldamante cammina impettita, quasi a dire “sparatemi in petto!!”
  • Stoc all’abbint – Non ho niente da fare
  • Tièng u cor scattèt – Ho il cuore a pezzi
  • Tricul tricul – Barcollante, instabile, Riferito ad un tavolo o una sedia ma anche in senso figurato.
  • Na fumèt d’ p’pp – Una fumata di pipa, ovvero facile come bere un bicchier d’acqua
  • Viecchj, p’zziènt e c’gghjès – Vecchio pezzente e cafone come un “cegliese”, si dice in senso dispregiativo anche di un pessimo partito (marito).
  • Voc assurm assurm – Mi muovo con molto timore, ho paura
  • Vuocca larje e mena striett – Generoso a parole e avaro nel dare