“Sciot e Vnot”, uno dei più bei percorsi running al mondo!

Scio t& Vnot 2019

New York? Boston? Firenze? …. macchè: Valle d’Itria !!!

16.02.2020 Si è conclusa la IV edizione della Sciot & Vnot, contraddistinta anche quest’anno da un’organizzazione esemplare. La gara dedicata ai tesserati Fidal e non tesserati parte dallo Stradone, ovvero dalla centralissima piazza XX Settembre di Martina Franca. Si percorrono 10 miglia, poco più di 16 km nella stupenda Valle d’Itria fino a inerpicarsi nel centro di Locorotondo per poi fare ritorno a Martina.

I numeri della Sciot e Vnot 2020

2552 iscritti di cui circa 1750 tesserati Fidal.

Classifica maschile: Vincitore Francesco Minerva, della società Montedoro Noci con il tempo di 56’41”. Secondo Gianluca Tundo 56’23″, terzo Emanuele Cotroneo, 56’29″.

Classifica femminile: Prima Elena Conte con il tempo di 1h10’46”, seconda Cristina Galeone 1h15’55”, terza classificata Valeria Cirielli 1h16’38”.

L’edizione 2019

Anche nell’edizione dello scorso anno la Valle d’Itria è riuscita a dare il meglio di sè grazie ad una temperatura semi-primaverile: i quasi 2000 partecipanti tra runners e camminatori domenica 17 febbraio sono partiti con l’arietta frizzantina della prima mattina.

Il percorso

Scio t& Vnot 2019

Dopo il breve tratto urbano in discesa si percorre la strada secondaria che da Martina porta a Locorotondo e ci si addentra nella campagna dopo aver attraversato il passaggio a livello delle Ferrovie dalle Sud-Est. Qui i colori, i profumi sono più intensi e l’energia e la voglia di continuare a correre si avverte maggiormente.

.

Locorotondo

Ancora un paio di chilometri e ri-appare una Locorotondo bellissima, con la sua facciata che vista dal basso sembra irraggiungibile se non con immenso sforzo e una buona dose di concentrazione necessaria per superare un tratto in salita molto impegnativo.

La galleria fotografica a seguire mostra appunto l’impegno profuso dai partecipanti nel superare il tratto in notevole pendenza.


					

					
					
				
			

			

			

In cima ci pensa Franco Speciale e la sua rock band a trasmettere una carica di energia per riprendere fiato. Si attraversa l’arco di ingresso al centro storico per percorre il breve tratto urbano incitati da passanti, curiosi e sostenitori e poi giù per la discesa che riporta nel bellissimo sentiero di campagna, sulla strada del ritorno in direzione Martina.

Dopo un tratto di ripida discesa si lascia per qualche centinaio di metri il percorso su asfalto per attraversare la bellissima Masseria Aprile dove, nell’aia si esibisce, nei costumi tradizionali, un gruppo di danze popolari accompagnato dalla fisarmonica.

Subito dopo un punto ristoro con tanto di tè caldo. Si riprendere a correre in direzione Martina che appare ancora lontana.

Comincia il conto alla rovescia:-4, -3, -2 kilometri! A poco meno di un kilometro, prima di arrivare alla Chiesa dei Cappuccini, si devia a destra su un piccolo sterrato. E’ il momento per prendere fiato e ora ce ne vuole tanto perchè l’ultimo tratto è in salita ripida, tanto ripida che la famosa scalinata del Philadelphia Museum, su cui corse Rocky Balboa è nulla in confronto !

Si entra nel centro storico di Martina Franca passando sotto l’Arco del Carmine. gli ultimi metri e poi finalmente l’arrivo in Piazza Maria Immacolata

I vincitori della Sciot e Vnot III edizione, 2019

Camminatori, runners, amatori, squadre di podisiti uno dopo l’altro tagliano il traguardo. Incredibilmente oggi hanno vinto tutti! Hanno vinto tutti i partecipanti, ha vinto il pubblico, la Valle d’Itria, Martina Franca e Locorotondo in una festa all’insegna del benessere e dello stare assieme. Ed hanno vinto anche gli organizzatori a cui va un plauso per la capacità di organizzazione dimostrata.